#Amici13. I cantanti della nuova classe scovati su Youtube

Gloria Atzeni Amici

Glora Atzeni, fra le cantanti di Amici 13

La classe della nuova edizione di Amici di Maria De Filippi è già al completo, annunciata pochi minuti fa su Facebook dalla pagina ufficiale del programma. Se guardando le foto (clicca qui per la classe al completo) non è possibile farsi un’idea del talento dei nuovi allievi della scuola più spiata del piccolo schermo, cercando su youtube si possono rintracciare le testimonianze, più o meno amatoriali, di alcuni fra i nuovi cantanti pronti ad indossare la divisa del talent Mediaset. Dalla sagra dei carciofo ai festival di tutta italia passando per le registrazioni di cover nella propria cameretta, i video offrono l’occasione di un primo ascolto di quelle che potrebbero diventare le nuovi voci della musica italiana. In attesa della prima puntata di Amici, in onda sabato 23 Novembre su Canale5.

Cesare Cernigliaro

Miriam Masala

Gloria Atzeni

Nick Casciaro

Sara Mattei

Deborah Iurato

Giacomo Paci

Non solo musica per il “Voci del Sud Summer Festival” 2013

Voci del Sud Summer Festival

Voci del Sud Summer Festival
8 – 11 agosto 2013
Sant’Arsenio (Sa)
Clicca qui per il programma completo

Un sano contenitore culturale“. Con queste parole il direttore artistico Giuseppe Macchia ha presentato stamane l’ottava edizione di “Voci del Sud Summer Festival”, in programma dall’8 all’11 agosto 2013 a Sant’Arsenio e San Pietro al Tanagro, in provincia di Salerno.
Una manifestazione che torna dopo un anno di assenza e si rinnova per ritrovare nuova linfa vitale non soltanto nella musica, ma anche nell’arte, nel teatro e nello sport. “Oggi è un giorno straordinario per Sant’Arsenio” – ha commentato in conferenza stampa il sindaco Nicola Pica – “ospitiamo questo Festival non senza difficoltà, le stesse che hanno portato a una pausa lo scorso anno, ma nonostante tutto andiamo avanti, ci crediamo molto e siamo felici anche del fatto che il nostro auditorium comunale possa ospitare il cartellone teatrale del Festival“. La parola chiave sembra essere aggregazione, non soltanto del territorio attraverso i suoi cittadini, ma anche delle diverse realtà culturali che “Voci del Sud” ospiterà. Sponsor dell’evento il Banco di Credito Cooperativo Monte Pruno di Roscigno e Laurino, rappresentato in conferenza dal responsabile informativo Antonio Mastandrea, che commenta così l’appoggio all’evento: “non siamo soltanto un supporto economico. Lavoriamo insieme per aiutare il nostro territorio a liberarsi dai problemi che lo assillano. Partecipiamo perché ci crediamo con convinzione, perché abbiamo bisogno di creatività, cultura e partecipazione“.
Aprono il Festival Meg, Jovine e i fratelli Giuradei, che si alterneranno sul Main Stage l’8 agosto, e Francesco Paolantoni, che la stessa sera inaugurerà la nuova sezione dedicata al teatro con lo spettacolo “Che fine ha fatto il mio io?”, in scena al Teatro Comunale di Sant’Arsenio. Fra gli altri artisti in cartellone anche Fabri Fibra, Clementino, Almamegretta, Asian Dub Fundation e 38 band emergenti che si esibiranno ogni giorno dalle 18 alle 22 su quello che è stato denominato “Love Stage”. Da segnalare il concerto di Vinicio Capossela e la Banda della Posta nella suggestiva location del Parco dei Mulini a San Pietro a Tanagro.

(Recensito.net)

Paola e Chiara si separano: “Giungla” è il loro l’ultimo album

Paola e Chiara Giungla

Sedici anni di pop dal respiro internazionale per una carriera che ha saputo andare oltre i confini italiani conquistando il cuore di numerosi fan in tutto il mondo: Paola e Chiara annunciano una separazione che era nell’aria da tempo e che adesso è ufficiale.
Una decisione presa “serenamente”, che non preclude futuri progetti insieme. Dall’annuncio si legge che le due sorelle “si dedicheranno a progetti personali ma non si escludono eventuali partecipazioni e collaborazioni, sia insieme che individualmente, in contesti di programmi tv, eventi e in contesti discografici”. Dall’esordio sul gradino più alto del podio del Festival di Sanremo con “Amici come prima” alle hit internazionali come “Festival”, “Viva el amor!”, “Fino alla fine” e “Vamos a bailar”, che in un sondaggio di “Tv Sorrisi e Canzoni” è stata proclamata la canzone estiva più amata dagli italiani negli ultimi 20 anni.
Ultimo album del progetto musicale del duo è “Giungla”, uscito l’11 giugno e anticipato dal singolo “Divertiamoci (perché c’è feeling)”; capitolo finale dalle sonorità spiccatamente pop che dimostra una credibile capacità di spaziare dal rap (con Razza Krasta in “Divertiamoci” e con Moreno, ultimo vincitore del talent “Amici” in “Tu devi essere pazzo”) al sound anni 80, passando per ballate ben costruite e pezzi dance ancora estranei al panorama nostrano. Ascoltando “Giungla” , infatti, si ha la sensazione che Paola e Chiara siano state in grado, ancora una volta, di sperimentazioni che il pubblico dello stivale riesce a recepire quando arrivano dall’estero ma fa fatica ad accettare dagli stessi artisti italiani. Nonostante questa dimostrazione di una creatività che non accenna a spegnersi, premiata dall’ottima accoglienza della critica, e dall’apprezzamento dimostrato dalle vendite (non solo in Italia), le sorelle Iezzi salutano il pubblico e si preparano, per citare uno dei loro singoli, a “Cambiare pagina”.

Recensito.net

“Ciao (Reload)”: il ritorno delle Lollipop firmato Mario Fargetta

Lollipop - Ciao (Reload)

A volte (inaspettatamente) ritornano. Sono passati dodici anni dal successo di “Down Down Down”, singolo che valse alle Lollipop la conquista del disco d’oro e di un posto d’onore nell’albo dei più ballati d’Italia negli anni duemila.
Oggi, rimaste in quattro dopo l’abbandono di Dominique – impegnata a portare avanti la carriera da solista in Francia – il gruppo si riunisce nella speranza di replicare il successo di quel primo singolo che le portò alla ribalta dopo la vittoria al talent show “Popstars”, nel quale furono selezionate. “Ciao (Reload)”, questo il titolo del brano che inaugura la reunion della girl band italiana, ha fatto la sua comparsa oggi su iTunes e in ascolto gratuito su Spotify. Prodotto dal dj Mario Fargetta per la sua etichetta “Get Over Records”, “Ciao” ha tutte le carte in regola per candidarsi a tormentone dell’estate 2013: è un pezzo dance dal sapore internazionale, caratterizzato da influenze anni novanta e da un ritornello impossibile da dimenticare. Roberta, Marta, Veronica e Marcellina si apprestano così ad affrontare un mercato discografico profondamente cambiato, e non sembrano per niente impreparate: nuovo look più sofisticato, attenzione (quasi) maniacale al rapporto con i fans sui social network, presentazione del singolo in pompa magna nella cornice milanese del Just Cavalli e nuove versioni – registrate a quattro voci – dei singoli contenuti nei primi due album, incluso “Batte Forte”, che il gruppo presentò a Sanremo nel 2002.
Se le vendite dovessero andare nella direzione giusta (e le prime ore fanno ben sperare, il brano è già nella top ten dei singoli più venduti di iTunes) per la band potrebbe esserci un nuovo album, e il tour intrapreso a maggio potrebbe continuare. Per la gioia dei fan più nostalgici.

Recensito.net

Art and Soul Otis Redding Casa del Jazz

ART AND SOUL, ALLA CASA DEL JAZZ DI ROMA LE NOTE FANNO (SOLO) DA CONTORNO ALLE PAROLE

Art and Soul Otis Redding Casa del Jazz

Il giovedì la Casa del Jazz di Roma si veste di Art and Soul, una serie di appuntamenti per raccontare la musica curati da Alberto Castelli, che si fa voce guida di un percorso in cui biografia e discografia di musicisti indimenticabili si mescolano e si palesano al pubblico allo scopo di ricordare, divulgare e godere di preziose eredità artistiche. È il caso di “Mr. Big O – Il soul di Otis Redding”, appuntamento dedicato ad uno fra i più grandi cantanti soul di tutti i tempi, andato in scena giovedì 21 febbraio grazie alla collaborazione di Castelli con un trio d’eccezione: Luca Sapio (voce), Valerio Guaraldi (chitarra) e il giovanissimo Mr. DMC (soul selecter). Dall’infanzia a Macon, in Georgia, alle sofferenze di una vita vissuta ai tempi dell’apartheid, passando per le influenze gospel e la dura gavetta, la vita di Otis Redding è stata raccontata sapientemente, e in modo apertamente poetico, grazie al talento di Alberto Castelli, che alle parole mescola l’amore per la musica e una spiccata impronta di scrittura radiofonica.
Ma in un contesto di omaggio ad un mostro sacro della musica va tenuto conto del fatto che la musica sia essa stessa racconto; non può esser dimenticato che il miglior modo per narrare la storia di chi ha stregato il mondo con voce, testi e melodie divenute a dir poco epiche, sia affidare quel racconto alla sua stessa produzione. I picchi di emozione della serata, infatti, sono tutti concentrati in quei pochi momenti in cui la chitarra del bravissimo Guaraldi accompagna la voce potente e graffiante di Sapio, un talento tanto grande da arrivare direttamente al pubblico con potenza e coinvolgente emotività. La scelta di costringere musicisti di una tale caratura in un format che dimentica parte dei pezzi più belli di Otis Redding (relegati a mere citazioni), dando spazio soltanto a tre tra le numerose canzoni indimenticabili, lascia lo spettatore interdetto e deluso. Gli animi in sala scalpitano in modo palpabile per poter aver accesso all’ascolto della voce di Sapio, si aspettano di assistere ad un racconto musicale e vengono lasciati con l’amaro in bocca da una portata principale, fatta sì di belle parole, ma che lascia alle note il ruolo marginale di contorno.

Recensito.net