Amici dei disoccupati

amici13

Volendo risultare a chi legge sia credibile che elegante, mi riesce difficile trovare le parole per evitare semplicemente di dire che Amici è diventato, negli anni, un programma brutto. Ci proverò spiegando che tutti gli espedienti messi in campo nelle ultime edizioni, in primis l’onnipresente “maglia nera”, sembrano voler coprire una carenza imbarazzante di talento negli alunni della scuola più longeva della tv. Colpa di criteri di selezione che fanno acqua da tutte le parti. Ma se la nave affonda non può essere a causa di un’unica falla.

Il problema più grande è che Amici nemmeno ci prova a sopperire alla mancanza di spettacolo e di, oserei dire, teatralità, elementi che fra il serio e il faceto hanno caratterizzato gli anni d’oro del talent. Cerca semplicemente di nasconderla. Sono lontani i tempi delle standing ovations tributate alla Amoroso, delle diatribe (inutili ma divertenti) su collo del piede e sul physique du role dei ballerini.

Oggi Amici è una copia odiosa e detestabile dei ricordi peggiori della scuola, quando i professori sembravano accanirsi sugli studenti senza alcun motivo e il tempo passato a studiare non bastava mai. Voti, divise, interrogazioni, bocciature hanno di fatto un tale peso specifico che di talent e di show non resta che un ricordo sbiadito. La scuola di Maria si uniforma così alla triste realtà in cui viviamo noi comuni mortali lontani dalle magie del piccolo schermo: laurearsi vincitori alla presenza del Magnifico Rettore De Filippi significa unirsi alla schiera già ben nutrita di disoccupati del nostro paese. Questo, se non altro, fa di Amici un programma terribilmente vero.

Annunci

2 pensieri su “Amici dei disoccupati

  1. Gigi Gx (@GigiGx) ha detto:

    Ad Amici ormai interessa fare show, non vuole fare più “l’Accademia dei talenti” (come sono soliti apostrofare su Real Time). E a dimostrazione di questo c’è proprio la svendita del day time di Amici al Gruppo Discovery.

    Per quanto riguarda i concorrenti, quelli bravi ad oggi si possono contare sulle dita di una mano.

Commenta con Facebook, Twitter o Google+

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...