JK Rowling Il Seggio Vacante

J.K.ROWLING E “IL SEGGIO VACANTE”. L’ADDIO AD HARRY POTTER È UNA MOSSA VINCENTE

JK Rowling Il Seggio Vacante

Amato e odiato dai critici di tutto il mondo, “Il Seggio Vacante” ha diviso anche gli affezionati del piccolo Harry Potter, forse perché di magia, castelli e duelli a colpi di incantesimi in questo libro non vi è traccia. Ma i lettori del maghetto più famoso del mondo sono ormai cresciuti e a loro si è adattata la penna di J.K. Rowling, che non smentisce se stessa, regalando ancora una volta una narrazione complessa ma fluente, funzionale ad una storia intricata e sorretta in modo brillante da uno stile ormai noto a milioni di suoi fan in tutto il mondo.
“The Casual Vacancy”, questo il titolo originale del romanzo, è ben distante dalle ambientazioni fantasy di Hogwarts: il fulcro del suo intreccio è la politica, con i suoi scandali e intrighi che si muovono in una dimensione a metà fra la sfera privata e quella pubblica. Nel consiglio municipale di Pagford un posto è appena rimasto vacante a causa della morte improvvisa del consigliere Barry Fairbrother, la cui scomparsa diviene presto motivo di conflitti e rivalità più o meno evidenti fra coloro i quali aspirano a prendere il suo posto. Quella narrata non è una guerra fra buoni e cattivi, perché presto ci si accorge che i personaggi non sono mai così semplici come sembrano; è piuttosto una lotta in cui convergono i temi della moralità, dell’etica e delle motivazioni reali che muovono cittadini comuni verso l’impegno civile della politica. C’è la droga, le differenze sociali, l’amore e la meschinità di chi è pronto a tutto pur di conquistare un posto di potere.
J.K Rowling snocciola uno ad uno i suoi personaggi, introducendoli come a formare un mosaico complesso a cui non sembra mancare nessuna tessera, e li inserisce in trame che riesce ad intrecciare abilmente fino alla chiusura del cerchio, un finale sorprendente e “magicamente” lineare. L’autrice, fin dall’esordio con la saga di “Harry Potter”, aveva abituato i lettori alla sua straordinaria capacità di costruire storie complesse in cui ogni singolo elemento è sempre funzionale alla narrazione, tutto ha un senso e niente è superfluo. In questo primo romanzo “per adulti”, già vincitore del prestigioso Goodreads Choice Award, la Rowling non delude le attese. E si fa leggere avidamente, fino all’ultima riga.

Recensito.net

Annunci

Commenta con Facebook, Twitter o Google+

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...