Enrico Ruggeri - Non si può morire la notte di Natale

“NON SI PUO’ MORIRE LA NOTTE DI NATALE”, ENRICO RUGGERI E IL SUO GIALLO (TROPPO) SEMPLICE

Enrico Ruggeri - Non si può morire la notte di Natale

Nell’approcciarsi ad un libro scritto da un cantautore bravo come Enrico Ruggeri è da tenere in considerazione un dato di fatto: una canzone non è un romanzo, e quello della comunicazione è un talento che ha tante forme, alle quali non sempre è applicabile la stessa intensità. Sebbene non sia nuovo al mondo dell’editoria, Ruggeri stupisce in negativo con un libro che promette di essere un intricato giallo e si risolve in un racconto scorrevole e senza sorprese. L’espediente narrativo di partenza ha il sapore dell’originalità: il protagonista è Giorgio Sala, un attore all’apice del successo professionale che tenta il suicidio durante la notte della vigilia di Natale. Almeno così sembrerebbe, visto che Sala non si è sparato, e dall’immobilità alla quale è costretto, infermo e impossibilitato a parlare, comincia ad indagare mentalmente per scoprire chi lo voleva morto, e per quale motivo. Ma una trovata interessante non basta. Un investigatore che non può analizzare le sue prove, né cercare indizi, mette lo scrittore a dura prova. Laddove ci si aspetterebbe un romanzo che mette l’accento sulla psicologia dei suoi personaggi, sul loro passato, su tutto ciò che è indagabile dalla mente umana senza strumenti materiali, ci si trova di fronte ad un mistero che si svela nella più totale semplicità, senza approfondimenti di sorta o espedienti che tengano viva la tensione narrativa. Lo stile è moderno e realista, mai impegnativo e fin troppo semplicistico. E nel finale il libro non recupera nessun appeal sul lettore, lasciando con l’amaro in bocca. Se il punto di partenza di questo romanzo è uno spunto decisamente interessante, il suo svolgimento decostruisce ogni intento di originalità per sprofondare in un’inaspettata banalità.

Recensito.net

Advertisements

Commenta con Facebook, Twitter o Google+

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...